• images/FOTO_HOME/01.jpg
  • images/FOTO_HOME/02.jpg
  • images/FOTO_HOME/03.jpg
  • images/FOTO_HOME/04.jpg
  • images/FOTO_HOME/05.jpg
  • images/FOTO_HOME/06.jpg
  • images/FOTO_HOME/07.jpg
  • images/FOTO_HOME/08.jpg

foto ridSono stati raccolti centinaia di giocattoli da destinare ai bambini dei territori in guerra nei quali opera la Croce Rossa Italiana e il Reggimento “Sirio” . I giochi verranno consegnati,  domenica 22 Febbraio alle ore 10.30, nella Chiesa San Michele Arcangelo nel corso della celebrazione della Santa Messa presieduta dal vescovo emerito  di Lamezia Terme Vincenzo Rimedio coadiuvato da Monsignor Giuseppe Ferraro e dal parroco don Pino Latelli.

Alla cerimonia di consegna, oltre a una significativa  rappresentanza della Croce Rossa Italiana e del Contingente “Sirio” di Lamezia Terme, impegnati in varie parti del mondo nelle missioni per il mantenimento della pace e l’assistenza alle popolazioni,  sarà presente anche il sindaco di Platania Michele Rizzo e il comandante della locale Stazione dei Carabinieri Giorgio Carafa. La manifestazione, che  sarà ripresa dalle telecamere di City One e mandata in onda nel programma “Noi siamo i giovani” del presentatore lametino Raffaele Bellakioma, sarà arricchita dall’intervento  della presidente della Croce Rossa Italiana di Lamezia Terme  Teresa Ferrise e dalla esibizione dell’Oratorio Benedetto XVI  che eseguirà alcuni brani.

I  protagonisti di questo bellissimo ed umile gesto di solidarietà e d’amore, che  permetterà di regalare un sorriso a tanti bambini coinvolti nella guerra in varie parti del mondo,  sono i ragazzi dell’Oratorio Benedetto XVI “Un tesoro per tutti” di Platania che hanno preso alla lettera una storia poco conosciuta  su Santa Lucia,  raccontata loro, dalla responsabile dell’Oratorio  Maddalena Cimino. «Lucia - narra Maddalena Cimino - ottiene dal Signore il permesso di scendere dal Paradiso nel mondo il giorno del suo martirio (13 dicembre) per portare almeno una volta all’anno doni ai bambini che soffrono patimenti e privazioni. A Lucia, che non disponeva di nulla, venne in soccorso San Pietro che, aperta una finestrella nel mondo, invitò la santa martire a guardare nello spazio. Allora vide giochi superflui, inutili, abbandonati e dimenticati dai bambini viziati e mai contenti. La santa siciliana - continua  Maddalena Cimino - si mise a raccoglierli e lavorò sino al 12 dicembre, a notte fatta, provvedendo a soddisfare le aspettative di molti bambini che altrimenti sarebbero rimasti senza Befana. Anche i bambini di Platania, hanno aiutato  simbolicamente Santa Lucia a riempire il sacco con i loro giocattoli destinati a tanti bambini che vivono in situazioni drammatiche e che avranno la gioia di avere un regalo». «Un gesto altamente educativo quello fatto dai bambini dell’Oratorio di Platania  per i loro coetanei meno fortunati – sottolinea il parroco don Pino Latelli - in quanto i ragazzi hanno compreso  che donare è la via maestra per vivere  i valori della solidarietà e della condivisione».

Lina Latelli Nucifero  sirio bambini1

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione