• images/FOTO_HOME/01.jpg
  • images/FOTO_HOME/02.jpg
  • images/FOTO_HOME/03.jpg
  • images/FOTO_HOME/04.jpg
  • images/FOTO_HOME/05.jpg
  • images/FOTO_HOME/06.jpg
  • images/FOTO_HOME/07.jpg
  • images/FOTO_HOME/08.jpg

Diocesi Lamezia Terme Peregrinatio MariaeDiocesi Lamezia Terme Peregrinatio Mariae Madonna di Medjugorie 3Diocesi Lamezia Terme Peregrinatio Mariae 1Diocesi Lamezia Terme Peregrinatio Mariae 2Diocesi Lamezia Terme Peregrinatio Mariae 5Diocesi Lamezia Terme Peregrinatio MariaeAnche quest’anno, dopo la bella e positiva esperienza vissuta lo scorso anno,, al fine di dare maggiore importanza al mese mariano, la Parrocchia Beata vergine del Carmine di Lamezia Terme ha dato il via alla Peregrinatio Mariae: la statua della Regina della Pace di  Medjugorje dall’inizio del mese di maggio, ogni sera, come pellegrina d’amore, è portata in pellegrinaggio nelle abitazioni  soprattutto degli ammalati che, non essendo  autosufficienti, non si possono recare nel sacro edificio di culto per seguire normalmente le celebrazioni mariane.

Ed è dunque la “Pellegrina d’Amore” che entra nella quotidianità delle famiglie e visita i fedeli della comunità portando sollievo, conforto e aiuto alle famiglie e ai malati che, per l’occasione, abbelliscono  la loro casa con fiori e con luci per accogliere degnamente Maria Regina della pace.  La  “Peregrinatio  Mariae”, alla quale  prendono parte i parroci don Gigi Iuliano e don Pino Latelli,   il gruppo missionario parrocchiale, gli ammalati e le famiglie del rione, si svolge in un clima di preghiera e di viva partecipazione con recita del Santo Rosario meditato, una appropriata catechesi mariana e la consacrazione della famiglia alla Madonna.  «Con questa iniziativa la Comunità del Carmine ancora una volta - sottolinea il parroco moderatore don Gigi Iuliano -  diventa missionaria con l’annuncio del Vangelo “porta a porta” e vuole imparare a pregare con il rosario nelle famiglie».  «La Peregrinatio Mariae, se da una parte – afferma il parroco don Pino Latelli -  evoca il pellegrinaggio che ciascuno è chiamato a compiere per riscoprire la propria fede, dall’altra offre l’opportunità di sperimentare la materna tenerezza di Maria che dimostra il suo amore venendo a visitare i suoi figli per portare loro Gesù.  L’augurio – conclude il Sacerdote  - è che ogni cristiano dia più spazio al Signore nel corso della giornata con la preghiera riscoprendone la bellezza, soprattutto con la recita del santo Rosario  e che la Vergine Santa conforti quanti sono segnati  dalla malattia e dalla  solitudine».

Lina Latelli Nucifero

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione