• images/FOTO_HOME/01.jpg
  • images/FOTO_HOME/02.jpg
  • images/FOTO_HOME/03.jpg
  • images/FOTO_HOME/04.jpg
  • images/FOTO_HOME/05.jpg
  • images/FOTO_HOME/06.jpg
  • images/FOTO_HOME/07.jpg
  • images/FOTO_HOME/08.jpg

Diocesi Lamezia Terme Peregrinatio Mariae 2019 2 005Diocesi Lamezia Terme Peregrinatio Mariae 2019 032Diocesi Lamezia Terme Peregrinatio 2019 004Diocesi Lamezia Terme Peregrinatio Mariae 2019 2 013Diocesi Lamezia Terme Peregrinatio Mariae 2019 003Diocesi Lamezia Terme eregrinatio Mariae 2019 2 016La Parrocchia Beata Vergine del Carmine di Lamezia Terme dall’inizio del mese di maggio sta rinnovando la bella e positiva esperienza della Peregrinatio Mariae portando anche quest’anno la statua della Regina della Pace di Medjugorje in pellegrinaggio nelle case dei fedeli. Maggior attenzione soprattutto per quelle degli ammalati che, non essendo autosufficienti, non si possono recare in chiesa per seguire normalmente le celebrazioni mariane. La peregrinatio Mariae, come pellegrina d’amore, si protrarrà per tutto il mese di maggio, detto mariano perché dedicato appunto alla Madonna.

La “Pellegrina d’Amore” entra nella quotidianità delle famiglie e visita i fedeli della comunità portando sollievo, conforto e aiuto alle famiglie e ai malati che, per l’occasione, abbelliscono la loro casa con fiori e con luci per accogliere degnamente Maria Regina della pace.

La “Peregrinatio Mariae”, alla quale prendono parte alternandosi i parroci del Carmine don Gigi, don Pino e don Francesco, le responsabili del gruppo missionario parrocchiale Pina Molinaro, Innocenza Martello e Tiziana Buffone, gli ammalati e le famiglie del rione, si svolge in un clima di preghiera, di emozione e di viva partecipazione. Il programma della peregrinatio prevede che, alla recita del santo rosario meditato, faccia seguito un’adeguata catechesi mariana e la consacrazione della famiglia alla Madonna. «L’iniziativa della Peregrinatio Mariae – sottolineano all’unisono i parroci del Carmine don Gigi, don Pino e don Francesco – vuole essere una buona occasione sia per sottolineare l’immenso valore del rosario come un tesoro da riscoprire e sia per richiamare l’importanza e la bellezza della preghiera del santo Rosario da imparare a pregare di più in famiglia e come famiglia».

Lina Latelli Nucifero

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione